Martedì 30 Agosto 2011

Manovra/Crescono dubbi su norma pensioni, malumore Pdl su Sacconi

Roma, 30 ago. (TMNews) - Malumore per il polverone sollevato, timore degli effetti e di eventuali controindicazioni giuridiche. E' già nel mirino di molti, nel Pdl e nel governo, la contestata la misura sulle pensioni e il riscatto degli anni universitari, lanciata ieri al termine del vertice di Arcore. Tanto che, riferiscono, il governo in queste ore starebbe riflettendo sulla percorribilità della proposta, che è già riuscita a 'compattare' nelle critiche Cgil, Cisl e Uil e diverse categorie professionali. Nel mirino di una parte del Pdl ci sarebbe soprattutto Maurizio Sacconi, indicato come 'mente' dell'iniziativa, che avrebbe gestito la partita - secondo alcune fonti di governo - insieme a Roberto Calderoli e Giulio Tremonti. Sempre in casa Pdl trapela un giudizio non del tutto positivo del premier Silvio Berlusconi rispetto a questo capitolo. C'è addirittura chi giura che solo al termine del vertice di Arcore si sarebbe discusso di sfuggita della vicenda e che l'averla inserita nel comunicato sarebbe frutto di un blitz di fine vertice sotto la regia di Sacconi. Forse è troppo avvalorare la tesi di chi giura sulla 'dissociazione' del premier rispetto alla contestata norma. Di certo la novità è che in queste ore la norma viene ancora attentamente vagliata per valutarne ogni implicazione.

Tom

© riproduzione riservata