Domenica 18 Settembre 2011

Germania/ Oggi il voto a Berlino, sindaco Wowereit favorito

Roma, 18 set. (TMNews) - Oggi si vota a Berlino, ultimo di sette appuntamenti elettorali in vari Laender tedeschi nel 2011. Un "annus horribilis" per Angela Merkel - oggi alle prese con la crisi del debito in Europa e impegnata a tenere i pezzi di una coalizione di governo in gravi difficoltà - e soprattutto per i suoi alleati liberaldemocratici. L'esito del voto nella capitale sembra già segnato: tutto lascia pensare a una riconferma (per la terza volta) del sindaco uscente, il socialdemocratico Klaus Wowereit, con 61% delle preferenze, secondo i sondaggi. La sua sfidante più accreditata, la Verde Renate Kunaest, dopo un folgorante avvio, sembra aver perso smalto e capacità persuasiva fra i berlinesi, ed è accreditata appena del 17% in un ipotetico scontro diretto contro Wowereit. Davvero poche chance restano invece per il candidato della Cdu, Frank Henkel, nonostante oggi Frau Merkel sia scesa in campo per sostenerlo. Fra i temi della campagna elettorale, l'istruzione e la scuola sono "decisivi" per i Berlinesi. Seguono il lavoro e l'economia. Sicurezza e criminalità sono al terzo posto, seguita dal tema dell'integrazione degli immigrati e da quello del traffico. Ogni cittadino "tedesco e residente a Berlino" ha due schede a disposizione, una per il partito, l'altra per il candidato che preferisce, che può militare anche in una formazione diversa. I cittadini comunitari residenti a Berlino possono votare nelle elezioni circoscrizionali. Gli extracomunitari, cioè il 14% circa dei "berlinesi", non hanno diritto di voto. L'ultimo sondaggio dell'istituto Infratest per l'Ard, prima televisione pubblica tedesca, ha rilevato quasi un 30% di consensi per i socialdemocratici (Spd), seguiti dalla Cdu e dai Verdi, entrambi tra il 20 e il 22%. La Linke potrebbe raggiungere l'11%, Incerta la sorte dell'Fpd, che secondo un ulteriore rilevamento rialza la testa e supererebbe l'odiato scoglio del 5% nei consensi degli elettori tedeschi (ma il sondaggio è a livello nazionale e non è detto che a Berlino i liberaldemocratici riescano a superare la soglia di sbarramento per entrare nel Parlamento regionale), A sorpresa una new entry, il Partito dei Pirati - che si batte per la libertà dei diritti d'autore, per i trasporti gratuiti e per la liberalizzazione delle droghe - che potrebbe per la prima volta entrare nel Landtag con un comodo 6,5%. L'erosione di voti ai danni della Spd (-1,3%) e della Linke (-2,4%) da parte del Partito dei Pirati potrebbe impedire una riedizione della coalizione rosso-rossa (Spd-Linke); così come è escluso un governo nero-verde, tra Cdu e Verdi. Le alternative possibili sono quelle di una Grande coalizione tra Spd e Cdu, oppure di un'alleanza tra Spd e Verdi.

Est/Rcc

© riproduzione riservata