Lunedì 21 Novembre 2011

Benzina/Media verde cala a 1,621 euro, gasolio sale a 1,571 euro

Roma, 21 nov. (TMNews) - Scende il prezzo della benzina, sale quello del gasolio. E' quanto emerge dalla consueta rilevazione della Staffetta Quotidiana. Domenica, rileva la Staffetta, Eni ha messo mano ai listini abbassando il prezzo della benzina e alzando quello del gasolio. Da ieri il prezzo medio nazionale della benzina Eni è sceso di 1,5 centesimi a 1,613 euro/litro, mentre quello del gasolio è aumentato di 0,5 centesimi a 1,575 euro/litro. Fermo il Gpl a 0,728 euro/litro. La mossa di Eni, spiega la Staffetta, fa calare fortemente la media ponderata nazionale dei prezzi della benzina tra i diversi marchi: -0,6 centesimi a 1,621 euro/litro, mentre il gasolio sale di 0,4 centesimi a 1,571 euro/litro. Quanto agli altri marchi, stessa dinamica, ma meno accentuata, per Esso: -0,4 centesimi sulla verde a 1,633 euro/litro per la benzina e +0,5 centesimi sul diesel a 1,575 euro/litro. Si registra inoltre un rialzo sul gasolio per Q8: +0,6 centesimi a 1,574 euro/litro. Ferme le altre compagnie. La media nazionale dei prezzi del metano in lieve calo a 0,91 euro/kg. Con il secondo forte calo consecutivo, venerdì, sui mercati internazionali, i prezzi internazionali della benzina hanno raggiunto un livello che l'ultima volta era stato toccato nel febbraio scorso. In due sessioni la quotazione della verde sul mercato del Mediterraneo ha perso oltre 40 dollari la tonnellata, una tendenza che per i compratori europei è stata accentuata venerdì anche dal recupero della moneta unica sul biglietto verde. Analoga dinamica, ma meno accentuata, per il diesel, che ha lasciato sul terreno circa 25 dollari in due sedute. Il prezzo internazionale della verde si è attestato venerdì a 901 dollari la tonnellata (-17), pari a 501 euro per mille litri (-13), quello del gasolio a 1.003 dollari la tonnellata (-6), pari a 624 euro per mille litri (-8).

Pie

© riproduzione riservata