Sabato 03 Dicembre 2011

Israele/ Governo ritira campagna: "Non sposate ebrei americani"

Roma, 3 dic. (TMNews) - Il governo israeliano ha ritirato la campagna pubblicitaria volta a dissuadere gli israeliani che vivono negli Stati Uniti dallo sposare ebrei americani, che aveva provocato una levata di scudi nella comunità ebreo-americana. In uno spot di una trentina di secondi, un americano in una serata romantica prende le candele nell'appartamento di una israeliana ignorando che erano accese per ricordare le vittime israeliane del terrorismo. Una voce in sottofondo recita in ebraico: "Loro saranno sempre israeliani. I loro partner non sempre capiranno. Aiutateli a ritornare in Israele". La campagna si avvaleva anche di manifesti che esortavano gli israeliani a rientrare in patria prima che i loro figli li chiamassero "daddy" invece di "abba" (papà in ebraico). La Federazione degli ebrei d'America del Nord ha inviato una veemente lettera di protesta al ministero dell'Integrazione israeliano affermando che il "messaggio secondo il quale gli ebrei americani non capiscono Israele è semplicemente scandaloso". A fronte delle veementi proteste, il Primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha deciso ieri notte di ritirare la campagna. L'ambasciatore di Israele a Washington, Michael Oren, ha presentato le scuse a nome del governo. (con fonte Afp)

Ihr

© riproduzione riservata