Domenica 04 Dicembre 2011

Russia/ Crollo partito Putin 'rallegra' comunisti e blogger

Mosca, 4 dic. (TMNews) - "E' molto importante star svegli fino alla mattina e preservare quello che abbiamo ottenuto". Va in diretta sul principale canale statale Rossia il commento del leader del partito comunista russo Gennady Ziuganov, che non si fida e ha già denunciato brogli. Ma fatica a nascondere l'entusiasmo davanti ai risultati parziali delle elezioni legislative che prospettano un sonoro scivolone per Russia Unita, il partito del tandem Putin-Medvedev abituato a vittorie con percentuali bulgare dal 2003. Gli exit poll e lo spoglio del primo quarto delle schede danno la fazione di governo tra il 45 e il 48%, a rischio - se tali risultati verranno confermati - di entrare in una coalizione con altri movimenti in Parlamento. "Il partito rappresenta il 50% della popolazione: è un risultato di democrazia reale", replica il presidente russo Dmitri Medvedev che guidava le liste di Russia Unita nel voto odierno. Mentre per Putin "Russia Unita" è comunque la forza politica principale, ed è responsabile per i fallimenti e i successi del potere. Mentre la 'solita' piazza oggi ha riservato 170 fermi e disordini con il 'solito' intervento pesante della polizia per manifestazioni senza permesso, è certo la prima volta da anni che Ziuganov ha tanto spazio in Tv e una faccia soddisfatta. Tanto quanto quella del blogger anti-tandem Aleksey Navalny che su Twitter non si perde un attimo, dispensando commenti al veleno anche quando Putin e Medvedev appaiono insieme sullo schermo: "sembra proprio che Putin gli voglia dare un calcio negli stinchi". E poco prima quando stanno per apparire i primi exit poll, 'ritwitta' un tweet di Medvedev risalente al 14 maggio che nulla aveva a che fare con le elezioni: "Vergognoso che abbiamo perso, ma significa che la vittoria è davanti a noi". Poi quando i primi risultati arrivano, sorride alla sconfitta del moviemnto: "L'urna degli zoombie mostra il Partito dei corrotti e dei ladri al 46% :)" scrive il blogger.

Cgi

© riproduzione riservata