Venerdì 09 Dicembre 2011

Crisi/ Veto Gb, la stampa britannica parla di isolamento

Roma, 9 dic. (TMNews) - "Maltempo sulla Manica, il Continente è isolato" recitava un celebre titolo sempre portato a esempio dell'egocentrismo britannico. La tempesta è in questo caso monetaria, ma questa volta il governo del premier britannico David Cameron rischia di essere l'unico a rimanere fuori dagli accordi per una revisione del Trattato di Lisbona, isolamento che si riflette nei titoli della stampa britannica. "L'isolamento della Gran Bretagna cresce mentre altri tre Paesi ritornano sui loro passi", titola The Guardian: con la marcia indietro di Svezia, Ungheria e Repubblica Ceca. Londra rimarrebbe l'unico paese dei Ventisette a non firmare l'accordo in quello che il quotidiano progressista definisce "uno stop per Merkel, una parziale vittoria per Sarkozy e forse un disastro per il Regno Unito". "La Gran Bretagna lasciata fuori dal nuovo Trattato Ue dopo il veto di Cameron", fa eco il conservatore The Times, che parla di una "storica frattura" all'interno dell'Ue: "Data la nuova struttura del potere in Europa, il risultato probabilmente non farà che aumentare le richieste dei Tories euroscettici per un referendum sul ruolo britannico nell'Unione". The Independent sembra invece schierarsi dalla parte del premier Conservatore: "David Cameron lancia la sfida con il veto sul Trattato Ue", mentre The Daily Telegraph sottolinea come Londra ora sia, novella Nikka Costa, "on its own", per conto suo. I tabloid naturalmente inalberano la bandiera: "Who do you think EU are?" titola The Sun con un gioco di parole sotto la foto di un Cameron dall'aria critica verso gli altri Ventisei ("Eu", European Union, si pronuncia come "you"); Il Daily Mail riproduce in sequenza fotografico "le Snub", ovvero lo "sgarro" di Sarkozy che a fine vertice finge di dare la mano al collega britannico per poi cambiare velocemente direzione all'ultimo momento.

Mgi

© riproduzione riservata