Mercoledì 20 Maggio 2009

Mills; Anm difende Gandus-Giudici Milano:invettive inaccettabili

Roma, 20 mag. (Apcom) - L'Anm esprime pubblicamente "solidarietà e vicinanza ai colleghi Gandus, Caccialanza e Dorigo", ritenendo "inaccettabile che da parte di esponenti politici e di rappresentanti del governo vengano rivolte invettive e accuse di carattere personale nei confronti dei componenti del collegio del tribunale di Milano ed in particolare del suo presidente". "La pubblicazione delle motivazioni della sentenza del Tribunale di Milano sul cd. caso Mills ha suscitato diverse reazioni nel mondo politico. La critica dei provvedimenti giudiziari - si legge in una nota dell'Anm- è sempre legittima, ma è grave che vengano messi in discussione, e con questi toni denigratori utilizzati nelle ribalte mediatiche, non il merito del provvedimento, ma l`indipendenza e l`imparzialità dei giudici. In questo modo si minano fondamentali principi costituzionali posti a garanzia del corretto equilibrio tra poteri dello Stato". In particolare, poi "sorprende" l'associazione di rappresentanza della Magistratura, che "ancora una volta, il 'garantismo a corrente alternata' utilizzato come chiave di lettura di vicende giudiziarie che riguardano esponenti del mondo politico-imprenditoriale a fronte del disinvolto giustizialismo con cui si commentano fatti di criminalità diffusa". "Ogni giorno - concludee l'Anm- i tribunali della Repubblica decidono della libertà e della responsabilità di persone accusate anche di gravi delitti. La credibilità di tali provvedimenti è un pilastro irrinunciabile del sistema democratico e del corretto vivere civile. E dovrebbe stare a cuore in primo luogo a chi ha responsabilità nel governo del paese".

Tor

© riproduzione riservata