Sabato 23 Maggio 2009

Calcio; Mourinho:Tentato dal Real Madrid,ma penso a futuro Inter

Roma, 23 mag. (Apcom) - A sette giorni dal titolo di campione d'Italia vinto nella sua stagione d'esordio in Serie A alla guida dell'Inter, José Mourinho ha iniziato la conferenza stampa tenuta alla vigilia della trasferta di Cagliari, per la trentasettesima e penultima giornata di campionato, parlando dell'offerta ricevuta dal Real Madrid. "Sono una persona onesta, lo sono sempre stato, e siccome sono sincero ho voluto mettere al corrente il mio presidente di quest'offerta", ha detto Mourinho ai giornalisti. "Lui l'ha saputo solo da me, non dalla stampa nè da nessun altro e se io avessi veramente voluto andar via non avrei detto nulla, ma sarei andato e basta. Se in passato ho dichiarato di rimanere qui al 100 percento, forse ho sbagliato perchè nella vita di così sicuro ci sono poche cose. E per fortuna ho detto che rimarrò qui al 99,9 percento e non al 99, perchè altrimenti lo spazio per parlare di quest'argomento sarebbe stato ancora maggiore". Percentuali a parte, al tecnico portoghese la panchina del Real piace. "C'è una piccola tentazione che io non nascondo, è legata al destino, non siamo fatti di ferro", ha detto Mourinho. "Il Real l'ho già rifiutato una volta nella mia carriera e un allenatore è diverso da un giocatore, i treni possono passare e ripassare sempre, anche fra trent'anni. Ma qui all'Inter ho un contratto, sono molto felice di quello che abbiamo fatto e di quello che la società sta costruendo per il futuro. Se non fossi soddisfatto avrei detto 50 percento o anche meno o non avrei detto nulla del tutto". E allora affrontato anche l'argomento mercato. "Se mi chiedete tre '10' che vorrei, vi direi Kakà, Gerrard e Iniesta, però posso dire che Deco mi piace e calcisticamente siamo cresciuti insieme", ha spiegato Mourinho. "Ibtahimovic? Il suo biglietto per andare via non è facile da pagare ed è difficile da acquistare". Il tecnico portoghese ha quindi annunciato una novità per la partita della prossima settimana contro l'Atalanta, che chiuderà la stagione a San Siro: "Io, Baresi, Oriali o il dottor Natalino Moratti, Butti e gli altri saremo nella panchina aggiunta. Bernazzani, Faria, Silvino, Fausto Sala e Giorgio Panico saranno al nostro posto. È il nostro modo per ringraziarli, nessuna mancanza di rispetto verso i nostri avversari - ha spiegato Mourinho - ma un regalo a chi ha lavorato e vinto come noi, ma non ha mai avuto la platea della panchina".

CAW

© riproduzione riservata