Martedì 26 Maggio 2009

Maroni: Nel 2008 scomparsi 1.330 minori, di cui 332 italiani

Roma, 26 mag. (Apcom) - Nel 2008 i minori italiani e stranieri scomparsi e per i quali sono stati attivate le ricerche sul territorio nazionale sono 1.330, di cui 332 di nazionalità italiana. Il dato segnala un forte incremento rispetto al 2007, in cui i minori scomparsi erano 510. Sono i dati forniti dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, nel corso della presentazione del numero verde 116.000 istituito dal Viminale, in collaborazione con la onlus 'Telefono Azzurro', per raccogliere tutte le segnalazioni relative alla scomparsa o alla sottrazione di minori sul territorio nazionale. Dal '74 a oggi, i casi di minori scomparsi sono stati 10.267, ha sottolineato Maroni, di cui 1.810 italiani. "Si tratta - ha detto il ministro dell'Interno - di un fenomeno rilevante". L'attivazione del numero verde, che sarà operativo 24 ore su 24 - ha detto Maroni - "conferma l'impegno del Governo italiano nella tutela dei minori. Si vuole accendere così un faro sui cosiddetti bambini ombra, quelli che scompaiono. È una tappa importante, non l'unica e non la prima, per combattere un fenomeno odioso". Il nuovo servizio sarà gestito dal Ministero dell'Interno in collaborazione con 'Telefono azzurro' ed è stato attivato proprio oggi, il 25 maggio, che è la giornata internazionale dei bambini scomparsi. Questo servizio si avvale della collaborazione di operatori specializzati ed è attivo sia in italiano che in lingua inglese. Maroni ha poi annunciato una campagna di informazione che sarà accompagnata, dopo le elezioni, anche da spot mirati per far conoscere il nuovo servizio e il numero verde 116.000. Il lancio di questo nuovo servizio avviene in Italia e in altri dieci Paesi europei in ottemperanza di una decisione dell'Unione europea del 2007. L'attenzione sul tema dei minori, ha sottolineato Maroni, è rafforzata anche dalle nuove norme che sono inserite nel ddl sicurezza e che prevedono norme e reati specifici a tutela dei minori come, ad esempio, il nuovo reato di sottrazione di minori che prevede pene da uno a quattro anni e la sospensione della potestà genitoriale.

Nes/Sar

© riproduzione riservata