Mercoledì 27 Maggio 2009

Calcio; Cairo attacca: Gli arbitri hanno tolto al Toro 10 punti

Roma, 27 mag. (Apcom) - Confermando l'intenzione della società di "presentare ricorso", Urbano Cairo si scaglia di nuovo contro gli arbitri e contro il Genoa, ritenuti responsabile della possibile retrocessione del suo Torino. COn la sconfitta interna subita domenica pomeriggio contro i rossoblù per 3-2 all'Olimpico, infatti, il Toro è ora appaiato al quart'ultimo posto al Bologna (-0 a Chievo) prima dell'ultima giornata del campionato di Serie A, con in palio quindi un solo posto per la salvezza. "Sono molto amareggiato per questo finale di stagione", ha detto Cairo a Radio Kiss Kiss. Il Toro giocherà l'ultima giornata in casa della Roma, mentre il Bologna ospiterà il Catania: in caso di arrivo a pari punti, a salvarsi sarebbero gli emiliani grazie ai risultati migliori negli scontri diretti. "Il Catania? Conosco Lo Monaco, conosco il presidente Pulvirenti: sono persone sportive e leali e non ho dubbi che con il Bologna si giocheranno la partita", ha detto Cairo. "Era solo un paradosso quando mi sono detto che il Bologna esultava perché già pensava di aver vinto la gara con il Catania. So bene che la formazione etnea è composta da uomini di calcio di grande lealtà, che in passato si sono trovati nella stessa nostra situazione". A Roma il Toro sarà primo di sette giocatori, squalificati ieri dal giudice sportivo dopo la gigantesca rissa andata in scena alla fine del match contro il Genoa: Marco Pisano, Angelo Ogbonna (4 giornate a testa), Rolando Bianchi, Aimo Diana, Francesco Pratali (2 a testa), Ignazio Abate e Blerim Dzemaili (un turno). "Le squalifiche sono eccessivamente concentrate su di noi quando è chiaro che i nostri giocatori non litigavano fra di loro, mentre c'è un unico squalificato per il Genoa", ha detto Cairo. "Bianchi non ha fatto nulla. La rissa non mi è piaciuta e lo ribadisco, ma a volte l'istigazione è altrettanto grave quanto la reazione. E Thiago Motta ha sicuramente istigato e picchiato. Questo per le squalifiche, per il resto se faccio l'elenco dei torti arbitrali subiti sono veramente un numero incredibile. Per queste cose abbiamo almeno 10 punti in meno e se togliamo 10 punti a qualsiasi squadra, ciascuna di queste fallirebbe il proprio obiettivo". Cairo si è detto però pronto a restare alla guida del club anche in caso di retrocessione: "Per provare immediatamente a tornare in Serie A. Ma abbiamo ancora più di una chance per salvarci. E' chiaro che noi dovremo giocarcela alla grandissima, così come sono certo faranno gli altri, come è giusto che sia"

CAW

© riproduzione riservata