Mercoledì 27 Maggio 2009

Afghanistan; Consiglio supremo Difesa: Potenziare impegno Italia

Roma, 27 mag. (Apcom) - Il "cruciale interesse dell'Europa e dell'Italia" per il conseguimento degli "obiettivi di pace e di crescita" dell'Afghanistan "induce il nostro Paese a rinnovare e, per quanto possibile, a potenziare, sia sul piano militare sia su quello della cooperazione civile, l'impegno a contribuire allo sforzo che la Comunità Internazionale sta conducendo". E' la valutazione emersa dalla riunione di oggi del Consiglio Supremo della Difesa presieduta dal capo dello Stato, Giorgio Napolitano, al Quirinale, alla quale hanno preso parte il premier Silvio Berlusconi, il ministro degli Esteri, Franco Frattini, il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Vincenzo Camporini. "Il Consiglio - informa una nota del Quirinale - ha esaminato le implicazioni per la sicurezza che l'evoluzione in corso nel quadro internazionale presenta, con particolare riferimento al nuovo approccio regionale alla crisi in Afghanistan. L'avvio, con l'avvento della nuova Presidenza statunitense, di una più incisiva e coinvolgente cooperazione multilaterale, rinforzata anche dalla necessità di far fronte in maniera coordinata alla crisi economica globale in atto, può costituire una svolta importante nel contrasto del terrorismo internazionale e per un più efficace intervento multidisciplinare nelle aree di crisi. Il rapido recupero economico, sociale e civile e, quindi, la stabilizzazione di tali aree sono condizioni essenziali per il rilancio di un processo di sviluppo globale pacifico ed equilibrato". "Il cruciale interesse dell'Europa e dell'Italia in particolare per il conseguimento di questi obiettivi di pace e di crescita - si legge ancora nella nota del Colle - induce il nostro Paese a rinnovare e, per quanto possibile, a potenziare, sia sul piano militare sia su quello della cooperazione civile, l'impegno a contribuire allo sforzo che la Comunità Internazionale sta conducendo. In tale prospettiva, il Consiglio ha analizzato, anche con riferimento alle risorse finanziarie disponibili, la partecipazione delle Forze Armate alle missioni in corso e la loro prevedibile evoluzione". Hanno presenziato alla riunione il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Gianni Letta; il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, Consigliere di Stato Donato Marra; il Segretario del Consiglio Supremo di Difesa, Generale Rolando Mosca Moschini.

Luc

© riproduzione riservata