Sabato 07 Novembre 2009

Francia/ Desecretati in anticipo archivi diplomatici su 1989

Roma, 7 nov. (Apcom) - Quando mancano pochi giorni all'anniversario della caduta del Muro di Berlino, la Francia decide di anticipare l'apertura dei suoi archivi diplomatici riguardanti questo episodio chiave della storia contemporanea. Da lunedì prossimo, 9 novembre, centinaia e centinaia di documenti conservati a Courneuve e a Nantes diverranno accessibili ai ricercatori grazie a una deroga ministeriale, in mancanza della quale, gli archivi della caduta del Muro non sarebbero stati consultabili fino al 2014. Il merito dell'iniziativa - scrive oggi il quotidiano francese Le Figaro - va a Pierre Lellouche, segretario di stato agli affari europei, che il 22 settembre scorso a Verdun, aveva evocato una "nuova agenda franco-tedesca". Parlando della caduta del Muro, colui che all'epoca era il consiglere diplomatico di Jacques Chirac al Municipio di Parigi, aveva deplorato "l'appuntamento mancato" tra la Francia e la Germania, la freddezza di Parigi nei confronti della riunificazione. Ricordando il ruolo svolto da Francois Mitterrand, Lellouche aveva rimproverato all'allora presidente socialista "di non aver saputo accogliere la Germania nel momento in cui si liberava del gioco sovietico". Fra i fedelissimi di Mitterrand, in particolare l'ex ministro Hubert Vedrine e Jacques Attali, si nutre il sospetto che la decisione altro non sia che una manovra per puntare il dito contro Francois Mitterrand di fronte alla Storia.

Fcs

© riproduzione riservata