Domenica 10 Maggio 2009

Lussemburgo; Paradisi fiscali, Juncker critica Germania

Berlino, 10 mag. (Apcom) - "Ai vecchi tempi avremmo mandato i soldati" a combattere i paradisi fiscali: la frase del leader dei Socialdemocratici tedeschi, Franz Muentefering, non è affatto piaciuta al premier lussenmburghese Jean-Claude Juncker, che non ha risparmiato le critiche in un'intervista concessa al settimanale tedesco Der Spiegel. "Non lo trovo divertente, abbiamo sofferto sotto l'occupazione tedesca: grazie a Dio non risolviamo più i nostri problemi con i soldati", ha sottolineato Juncker, aggiungendo: "Non è divertente quando il ministro delle Finanze tedesco Peer Steinbrueck utilizza immagini da Far West, noi non parliamo in questo modo dei tedeschi e i tedeschi non hanno alcun diritto di parlare così del Lussemburgo". Steinbrueck - che nel marzo scorso aveva invitato ad "usare la frusta" contro la Svizzera per combattere il segreto bancario e l'evasione fiscale - aveva ribadito martedì scordo di non dovere alcuna scusa a Paesi come Svizzera, Austria, Liechtenstein e Lussemburgo per averli accusati di evasione fiscale. Mgi

MAZ

© riproduzione riservata