Domenica 12 Maggio 2013

Torna Volvo Polar
Attesa per i prezzi

Torna Volvo Polar, la grande station wagon svedese che più di ogni altro modello ha costruito la fama di Volvo in Italia. La grande novità è che la «familiare» viene ora proposta anche in una doppia variante Polar e Super Polar, riaffermando, così, in chiave moderna l'incarnazione più celebre e «classica» della grande station wagon svedese.

Dopo le Polar originali e il successo di V50 Polar lanciata nel 2009, Volvo rinnova la sua capacità dare risposte adeguate alle esigenze degli automobilisti che vogliono un prodotto che coniughi un prezzo conveniente e contenuti di prestigio. Polar resta, dunque, un vero e proprio patrimonio del passato proiettato nel presente e nel futuro in termini di caratteristiche di prodotto e di marchio.

Un successo che si deve all'iniziativa di Volvo Italia ma che di fatto ha costruito l'intera storia di Volvo al punto da meritare un posto nel Museo Volvo di Goteborg, presso la Casa madre. Anche per la nuova offerta Polar basata sul più recente modello V70, si tratterà dunque di vetture con allestimenti capaci di sottolineare le principali caratteristiche del marchio e del prodotto Volvo, vale a dire sicurezza, qualità e funzionalità.

Il tutto a prezzi assolutamente irripetibili di cui potrà godere il pubblico al momento dell'acquisto dell'auto e che verranno comunicati a breve. Su questa scia, nella dotazione di serie di Volvo V70 Polar e Super Polar compaiono elementi importanti come il dispositivo City Safety o il sistema di interfaccia e connettività Sensus Connected Touch.

L'offerta Polar su V70 riguarda tutte le motorizzazioni turbodiesel, dal piccolo D2 1.6 ai cinque cilindri D3, D4 e D5. Le nuove Volvo V70 Polar saranno contraddistinte dal badge Polar sulla carrozzeria. È Michele Crisci, ad di Volvo Auto Italia, a spiegare il motivo del ritorno di Polar: «Polar è la migliore incarnazione della filosofia Volvo. E avevamo già detto che sarebbe tornata, anche alla luce del successo ottenuto con V50 Polar in tempi relativamente recenti».

«Pertanto, in un contesto di mercato difficile come quello che conosciamo e con una crisi che limita le possibilità di accesso del pubblico al segmento alto di gamma, Volvo rimane coerente con le scelte fatte in passato in momenti analoghi. Non andiamo dunque verso il basso bensì, attraverso l'offerta Polar, proponiamo una vettura di lusso venduta a un prezzo irripetibile e dunque accessibile ai più, specialmente ai giovani e alle famiglie giovani».

Volvo Polar e Super Polar nacquero rispettivamente nel 1989 e 1990 da un'iniziativa della filiale italiana avente come scopo quello di di stimolare le vendite delle SW e attrarre un pubblico più giovane proponendo una vettura nuova allo stesso prezzo di una vettura d'occasione.

Nella proposta Polar la leva più importante fu certamente quella del prezzo. Il target era rivolto ad un pubblico più giovane rispetto ai normali acquirenti Volvo, e quindi più «sensibili» al fattore economico. La Volvo 240 SW Polar venne dunque proposta a 24 milioni di lire con un equipaggiamento che comprendeva chiusura centralizzata, poggiatesta anche posteriori, rails per il tetto, interni neri e una scelta fra 4 colori di carrozzeria (bianco, argento, grigio scuro e rosso).

Il riscontro ottenuto fu testimoniato anche dalla conquista di donne e di professionisti che scelsero Volvo, in aggiunta ad artigiani, commercianti e artigiani che già costituivano il nocciolo duro della clientela Volvo. Volvo Polar, insomma, centrò tutti i suoi obiettivi, allargando la clientela Volvo ad un pubblico più giovane e facendo decollare le vendite delle varianti Station Wagon.

A rafforzare l'offerta Polar, nel 1990 arrivò la Super Polar, pensata per una fascia di utenti in espansione che avrebbe volentieri acquistato una Polar se fosse stata più ricca ed equipaggiata in modo da renderla esclusiva. Poi, con l'arrivo della Super Polar, Volvo Italia decise inoltre di proporre esclusivamente varianti catalizzate. Una riprova della coscienza ambientale di Volvo.

Il successo ottenuto su questi vari fronti interni spinse Volvo Italia a proporre una seconda generazione di Polar, sulla base del modello 940 SW. Era il 1995 e la Polar seconda generazione uscì di scena nel 1997. Via il superfluo e proprio con questo concetto vennero, dunque, introdotte le varianti Polar di quattro modelli, con la punta di diamante di Volvo V50.

Nel contempo si era dato vita ad una vera e propria linea pensata soprattutto per il pubblico più giovane. Proposta con motore ecologico 1.6 Turbodiesel e a un prezzo di 21.200 Euro, Volvo V50 ben presto divenne un best seller. Nella sua presenza sul mercato, dal giugno 2009 al dicembre 2012, Volvo V50 Polar ha totalizzato 15.600 unità vendute. Ora la nuova sfida.

Daniele Vaninetti

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags