Aggredisce la madre e spacca i mobili  Ma è già libero dopo la notte di follia
Sono intervenuti i carabinieri della Tenenza di Mariano Comense

Aggredisce la madre e spacca i mobili

Ma è già libero dopo la notte di follia

Arrestato a Inverigo un giovane di 26 anni, che ha patteggiato otto mesi con il rito direttissimo

Da ubriaco, ha cercato di picchiare la madre e ha spaccato i mobili di casa. Poi, non contento, all’arrivo dei carabinieri, ha cercato di colpirli con un pezzo di una sedia e successivamente gli ha aizzato contro un pitbull. Alla fine è stato arrestato, ma dopo il processo per direttissima, ha potuto fare ritorno a casa.

Un giovane di 26 anni, già noto alle forze dell’ordine, ha patteggiato 8 mesi, ma con pena sospesa, dopo la serata di distruzione e violenza che lo stesso giovane ha scatenato nella sua abitazione di via Piave a Inverigo, dove vive insieme alla madre di 59 anni, il padre di 63 anni e al fratello ventenne.

Domenica sera aveva bevuto decisamente troppo e questo lo aveva portato ad avere un atteggiamento violento con i familiari, in particolare con la madre che stava cercando di calmarlo. Ma la situazione era diventata davvero insostenibile e poco prima delle 23 sono stati chiamati i carabinieri, per cercare di riportare la calma. Sul posto è quindi intervenuta la pattuglia della Tenenza di Mariano Comense, oltre a un’ambulanza. Il giovane, all’interno dell’abitazione, aveva iniziato a distruggere addirittura i mobili.

Poi si è scagliato contro i soccorritori del 118, brandendo un coltello: per fortuna i sanitari sono stati solo minacciati. Successivamente il giovane avrebbe preso un piolo di una sedia che aveva distrutto all’interno dell’abitazione e ha provato a colpire i carabinieri.Poi ha anche cercato di aizzare contro il suo cane di razza pitbull, di grossa taglia: anche in questo caso, per fortuna, nessuno è rimasto ferito.

Quindi è stato bloccato e arrestato. Poi il processo per direttissima, con il patteggiamento: 8 mesi di pena, sospesi con la condizionale, ma con l’obbligo di firma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA