Allarme puma, ma forse è una volpe  La “fototrappola” l’ha immortalata
lA fototrappola appesa a un albero del giardino

Allarme puma, ma forse è una volpe

La “fototrappola” l’ha immortalata

Caccia al predatore Un giovane esemplare è stato ripreso in via Montecassino il 10 luglio scorso

Non capita tutti i giorni di trovare una volpe in giardino: figuriamoci poi quando l’animale viene immortalato da una foto trappola. È avvenuto lo scorso 10 luglio attorno alle 3 di notte sotto un albero della proprietà di Augusto Molteni e Fabrizia Federici, in via Montecassino.

«Abbiamo messo l’apparecchiatura in un punto che ritenevamo strategico – così afferma il figlio Samuele Molteni, che ha estratto poi le immagini inviate al nostro giornale – Si tratta di una volpe giovane, come dimostrerebbe lo sviluppo della coda, che negli adulti è molto più vistoso».

È chiaro che in queste ultime ore il pensiero è corso immediatamente al predatore che ha seminato terrore nella zona attorno a via Indipendenza a Cantù Asnago, uccidendo galline e anatre. C’è un precedente però. «Lo scorso 28 maggio un’altra volpe, forse la stessa, è stata ripresa dalla stessa foto trappola» aggiunge Samuele Molteni.

La zona geografica dove è stata fotografata la volpe è quella dei Rencati. Si trova alla latitudine dei boschi della via Montina tra Carimate e Cucciago, zona impervia e ricca di fauna selvatica. «L’ora in cui è stata scattata la fotografia, le tre di notte, parla da sé – aggiunge Fabrizia Federici – Le volpi hanno abitudini notturne e possono percorrere in cerca di cibo anche parecchi chilometri. Forse la volpe cercava di assalire il nostro pollaio, ma si tratta di un’area della nostra proprietà che è stata blindata. In passato infatti altri animali selvatici avevano predato e allora siamo corsi ai ripari».

© RIPRODUZIONE RISERVATA