Basta plastica negli edifici pubblici  È la svolta ecologista di Mariano
Carmen Colomo, portavoce del Movimento Cinque Stelle, con i sacchi della differenziata davanti al Comune

Basta plastica negli edifici pubblici

È la svolta ecologista di Mariano

Approvata all’unanimità la mozione del movimento M5S per la tutela ambientale: in municipio aranno sostituiti tutti i materiali non riciclabili. Erano già sparite le bottigliette dalle mense

Mariano dice addio alla plastica monouso. Entro la primavera, tutti gli uffici ed edifici comunali abbandoneranno le bottigliette d’acqua, i bicchieri e, ancora, i cucchiaini del caffè usa e getta. Attenzione, non c’è nessuna abolizione della pausa di metà mattina, semplicemente questa diventerà “green”, con posate e contenitori in materiale completamente biodegradabile.

Accanto all’azione pratica, il municipio darà poi avvio a una campagna di sensibilizzazione sulla tutela dell’ambiente rivolta ai residenti.

Questo è quanto stato deciso all’unanimità dal consiglio comunale su spinta del Movimento Cinque Stelle che, in occasione della scorsa seduta di inizio settimana, ha portato il tema all’attenzione della maggioranza e dell’opposizione, attraverso una mozione. Un documento che partendo dall’iniziativa lanciata dal ministero dell’Ambiente, “Plastic Free” , ha puntato a estendere l’appello di abolire la plastica monouso da tutte le istituzioni, non solo il ministero, ma anche le più piccole realtà locali.

L’iniziativa ha trovato presto sponda nella maggioranza di centro sinistra. «Bene differenziare e riciclare i rifiuti, ancora meglio sarebbe non produrli proprio» ha preso parola il presidente della “Consulta Ambiante”, il consigliere del Pd, Emanuele Viganò sottolineando come «gli oggetti monouso siano la quinta essenza dello spreco». Da qui, il voto positivo dei democratici a sostegno della mozione, perché «altro non fa che chiederci di andare avanti su un percorso già iniziato» aggiunge il consigliere, ricordando i passi fatti dal Comune a favore dell’ambiente.

Non solo l’adesione al Paes (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile, Ndr) per diminuire le emissioni di Co2 negli anni, ma anche l’abolizione delle bottiglie di plastica nelle mense scolastiche: da oltre un anno, sulle tavole delle scuole d’infanzia ed elementari di Mariano sono spuntate le caraffe. Piene d’acqua del rubinetto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA