Botte al poliziotto per pochi spiccioli  Milano, arrestati ragazzi di 17 e 20 anni
Gli aggressori dell’agente sono stati arrestati dalla stessa Polizia di Stato (Foto by Andrea Butti)

Botte al poliziotto per pochi spiccioli

Milano, arrestati ragazzi di 17 e 20 anni

L’episodio al Parco Sempione, rapinato agente non in servizio. Bottino di venti euro. Dei due protagonisti dell’aggressione il maggiorenne risiede a Cermenate e il minore a Mariano

Uno, nonostante i suoi 17 anni appena compiuti, ha già collezionato qualche grattacapo con la giustizia. L’altro, da poco ventenne, è incensurato. Da venerdì entrambi si ritrovano in carcere accusati di aver malmenato e rapinato un agente di polizia, che passeggiava per strada libero dal servizio.

L’episodio si è verificato a Milano ma i protagonisti sono un minorenne di Mariano Comense e un ventenne nato a Monza e residente a Cermenate, cittadino italiano.

L’allarme

L’aggressione risale a venerdì sera. Vittima un milanese di 28 anni. Un poliziotto, per la precisione. In servizio alla Questura di Milano. Venerdì sera il giovane agente non era in servizio. E girava per la zona del parco Sempione, e precisamente per via Emilio Alemagna proprio accanto alla Triennale di Milano, quando poco dopo le 21 è stato avvicinato da due giovanissimi.

Secondo quanto raccontato dall’agente, i due ragazzi dapprima gli si sono affiancati, quindi gli avrebbero chiesto dei soldi, poi lo avrebbero minacciato brandendo un oggetto contundente (forse un bastone) e infine gli sarebbero saltati addosso colpendolo con calci e pugni.

Il tutto per riuscirsi a impossessare di un bottino decisamente misero: una ventina di euro in contanti. Poi sono fuggiti.

L’arresto

L’agente ha immediatamente chiesto aiuto ai colleghi. E pochi minuti dopo i poliziotti sia del commissariato centro che della volante Duomo della polizia sono arrivati sul luogo dell’aggressione.

Impegnati in un servizio serale antidroga nel parco Sempione, anche la squadra investigativa del commissariato. Agli agenti non è servito troppo tempo per rintracciare due giovani che corrispondevano alla descrizione data dal collega. Erano nascosti dietro a un chiosco di via Gadio, la strada che si trova proprio ai margini del parco Sempione dal lato del castello Sforzesco.

I due vengono fermati e accompagnati al commissariato dove, pochi minuti dopo, verranno riconosciuti dal giovane poliziotto che è stato aggredito e rapinato.

Mentre l’agente viene accompagnato in pronto soccorso all’ospedale Fatebenefratelli (dove i medici lo medicheranno e diagnosticheranno una prognosi di pochi giorni) i due sospettati vengono arrestati. Il minorenne di Mariano Comense viene accompagnato al centro di detenzione minorile di Torino. Il maggiorenne, invece, viene portato nel carcere di San Vittore. Per entrambi è scattata l’accusa di rapina aggravata in concorso.

@Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA