Cabiate, Villa Padulli da salvare  «Scriviamo tutti a Roma»
Un bando rappresenta la speranza per trovare i soldi necessari al restauro di Villa Padulli

Cabiate, Villa Padulli da salvare

«Scriviamo tutti a Roma»

Il sindaco lancia l’appello: «Partecipiamo al bando del Governo

E se mandiamo tante email entro il 31 si può avere una quota dei 50 milioni»

Per recuperare Villa Padulli, il sindaco Maria Pia Tagliabue ha deciso di tentare ogni via, compresa quella di partecipare al bando promosso dal Governo, che vuole recuperare i luoghi culturali dimenticati.

«Fino al 31 maggio i cittadini potranno mandare una mail e richiedere un contributo per il recupero della Villa in disuso da parecchi anni – dice il sindaco, che continua - I tempi stringono, i beni segnalati sul sito del Governo sono già parecchi e i fondi non sono che una goccia nel mare».

Per recuperare i luoghi culturali dimenticati il Governo mette a disposizione 150 milioni di euro per tutta Italia.

«E’ giusto però tentare ogni strada: al momento gli edifici segnalati hanno ricevuto una media di 2mila voti ciascuno, non sono poi tanti» dice il sindaco del paese che conta poco più di 7mila e 600 abitanti. «Chiedo a ogni cittadino di scrivere all’indirizzo una mail all’indirizzo bellezza@governo.it con oggetto: Villa Padulli Cabiate (Co) Lombardia. Ovviamente l’invito è destinato non solo ai cabiatesi, ma anche ai cittadini dei paesi vicini e a tutti quelle persone che hanno a cuore i beni storici ed artistici».

I dettagli su La Provincia in edicola giovedì 26 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA