Cade sul sentiero e batte la testa
Muore un escursionista di Arosio

Giancarlo Torricelli probabilmente è inciampato per un malore: aveva 71 anni E’ accaduto al San Martino, il monte che domina Lecco. Inutili i soccorsi

Cade sul sentiero e batte la testa Muore un escursionista di Arosio
L’elisoccorso è intervenuto subito per trasportarlo dal San Martino all’ospedale di Lecco: tutto inutile

Arosio si stringe intorno alla famiglia per la scomparsa di Giancarlo Torricelli, tradito dalla passione per la montagna, la stessa che ieri lo ha portato sul monte San Martino a Lecco, dove ha trovato la morte. Fatale è stata una caduta lungo il sentiero che dalla cappelletta, nei pressi del bivio con la variante comunemente denomina “Saltarei”, poco sopra le placchette, scende verso il cimitero di Rancio. Troppo gravi i traumi alla testa per l’escursionista di 71 anni spirato all’ospedale “Manzoni” di Lecco.

L’allarme è scattato intorno alle 12 di ieri quando il compagno di escursione ha composto il numero unico delle emergenze per allertare i soccorsi. Alla chiamata ha risposto l’Agenzia regionale di emergenza e urgenza sanitaria, inviando l’elisoccorso e pre-allertando anche i tecnici della XIX Delegazione lariana del Soccorso alpino. Intervenuti in codice rosso, ossia il massimo della gravità nel triage ospedaliero, l’equipé dell’eliambulanza ha stabilizzato sul posto la vittima per poi partire alla volte dell’ospedale “Manzoni” di Lecco.

Al pronto soccorso è stato immediatamente preso in carico dai sanitari, ma non c’è stato nulla da fare: troppo gravi i traumi al capo, che non gli hanno lasciato scampo, Torricelli è spirato poco dopo.

L’articolo completo su La Provincia di venerdì 17 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}