Cantù, addio a De Santi  Insegnò per 40 anni al Melotti
Alberto De Santi ha insegnato per 40 anni al Melotti di Cantù

Cantù, addio a De Santi

Insegnò per 40 anni al Melotti

È morto a 73 anni lo storico professore di Decorazione pittorica all’istituto d’arte. Il commosso ricordo degli studenti«Amava il suo lavoro, la socialità e la ricerca del bello»

Se n’è andato a 73 anni Alberto De Santi, amatissimo docente della scuola che oggi si chiama Liceo “Fausto Melotti” Erano i primi anni Settanta quando all’istituto statale d’Arte per l’arredamento arrivò come docente il giovane professore Alberto De Santi che aveva compiuto studi all’Istituto d’Arte di Urbino.

Così lo ricorda Aurelio Porro a nome di un gruppo di docenti: «La scuola viveva da qualche anno un periodo di rinnovamento della didattica in tutte le sezioni e Alberto De Santi docente di Decorazione Pittorica e di Disegno dal Vero, s’inserì subito nel processo in corso apportando il suo personale contributo».

«De Santi era un professore convinto del sottile rapporto che intercorre in ambito formativo per le materie d’indirizzo. tra l’essere docente e anche professionista e artista. Erano quest’ultimi ambiti che praticava lui stesso al di fuori della scuola e che potevano apportare nella didattica istanze di rinnovamento e di cultura: soprattutto offrendo agli studenti interessanti strumenti creativi, progettuali e grafico-disegnativi».

Anche Melina Cavallaro, a nome di un gruppo di studenti ricorda De Santi: «Ha avuto duemila alunni. Era un fuoriclasse, artista a tutto tondo, anche scultore, designer, pittore, fotografo. Amava la vita, amava il suo lavoro, amava la socialità e la ricerca del bello. Gli allievi non scorderanno mai il suo look sempre stravagante ma elegante, i suoi baffoni e il suo indimenticabile maggiolone rigorosamente bianco. Diceva che il bianco era il colore perfetto, luce ed armonia».

I funerali verranno celebrati questa mattina nella chiesa di San Giacomo Filippo a Merone, Dopo il rosario delle 10 sarà la volta delle messa funebre alle 10.30.

(Giancarlo Montorfano)


© RIPRODUZIONE RISERVATA