Cantù, addio alla prof Lietti  Per vent’anni al “De Amicis”
Una immagine recente della professoressa Rosalba Lietti (Foto by Cristina Marzorati)

Cantù, addio alla prof Lietti

Per vent’anni al “De Amicis”

Ha insegnato ragioneria fino al 1983. Era stata a sua volta studentessa del collegio dove ha conosciuto il marito

Una donna moderna, intelligente, all’avanguardia, laureata in Economia e Commercio all’Università Cattolica di Milano e brillante corsista in master di specializzazione alla Bocconi, punti di forza che le hanno permesso di essere una delle più amate e apprezzate professoresse del collegio arcivescovile “Edmondo De Amicis” di Cantù. All’età di 82 anni è mancata Rosalba Lietti, tra l’inizio degli anni Sessanta e il 1983 è stata insegnante di ragioneria al collegio. Per vent’anni ha visto crescere moltissimi ragazzi che ha seguito come fosse la loro madre. «Ha sempre avuto un particolare occhio di riguardo per i ragazzi in difficoltà – ne traccia un commosso ritratto il marito Michele Porro nel 1965 – Quelli fortunati erano tutelati dalle famiglie facoltose, lei si prodigava per i più deboli, li affiancava, li seguiva nell’insegnamento e nella didattica». Prima ancora Rosalba era stata a sua volta una brillante studentessa del collegio. «La conobbi proprio lì – prosegue il marito – Nella scuola Rosalba era molto apprezzata: Lietti era la migliore di tutto l’istituto con i suoi voti 9 e 10». Al collegio Rosalba c’è rimasta sino al 1983, quando ha lasciato l’insegnamento per la famiglia, voleva crescere i tre splendidi figli Luigi, Laura e Silvia, e seguire l’impresa di famiglia, sino al 2013 insieme al marito ha gestito l’agenzia “Giovi Viaggi” a Lentate sul Seveso lungo al Nazionale dei Giovi. La morte è sopraggiunta a inizio giugno. «Era ricoverata all’ospedale San Gerardo di Monza – racconta la figlia minore Silvia – Purtroppo ha contratto un’infezione e nell’arco di 10 giorni le abbiamo dovuto dire addio». Rosalba oltre ai tre figli lascia l’adorata nipotina Sveva, di 7 anni, e un genero molto speciale, Paolo Sormani. «Mio marito è stato suo allievo al collegio arcivescovile di Cantù – conclude Silvia – Noi non ci siamo conosciuti attraverso mia mamma, ma in un altro contesto e poi ho scoperto con piacere che era stato suo studente».

(Cristina Marzorati)


© RIPRODUZIONE RISERVATA