Cantù, iI medici e il miracolo del barista  «Jack tra pochi giorni torna a casa»
Andrea Giacalone e Rosanna Giacalone. Cantù.

Cantù, iI medici e il miracolo del barista

«Jack tra pochi giorni torna a casa»

Fuori pericolo Andrea Giacalone, colpito a colpi di lupara. I medici: «Deve molto alla sua fibra forte, ai soccorsi e alle cure appropriate»

«Il ragazzo migliora di giorno in giorno. È in grado di camminare e di parlare. E nell’arco di qualche giorno sarà dimesso. Tornerà a casa. Chiaro che dovrà stare tranquillo e non potrà uscire, ma si tratta di un grande passo avanti».

È Silvio Bellocchi, primario della neurochirurgia del Sant’Anna di San Fermo, a dare un aggiornamento sulla condizione clinica di Andrea Giacalone, a nome dello staff sanitario dell’ospedale lariano che, in queste settimane, ha rimesso in piedi Jack, ferito gravemente all’addome e al volto nella sparatoria di via Corbetta, soltanto un mese fa.

Ha dell’incredibile il recupero del 25enne, padre di una bimba di 5 anni.

I dettagli su La Provincia in edicola venerdì 8 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA