Cantù, lavori alla sede dei pompieri  «Ma la nuova caserma si farà»
La sede dei vigili del fuoco di via Bolzano ha bisogno di interventi di manutenzione straordinaria

Cantù, lavori alla sede dei pompieri

«Ma la nuova caserma si farà»

Dopo l’annuncio della manutenzione dello stabile, intervengono governo e Comune. Il sottosegretario Molteni: «Il ministero seguirà la procedura, presto il via alla progettazione»

«Nessuna “beffa”, semplicemente la necessità di avere una nuova caserma per la quale si sta lavorando e l’esigenza di utilizzare quella attuale rispettando regole e norme di sicurezza per il bene di tutti».

A intervenire sul tema del distaccamento dei pompieri è il sottosegretario all’Interno Nicola Molteni, Lega. Con lui, anche il vicesindaco reggente della coalizione di centrodestra, Alice Galbiati: «C’è piena convergenza sulla realizzazione della nuova caserma: stiamo effettuando i frazionamenti», ribadisce. Resta l’interrogativo sui tempi di realizzazione del nuovo distaccamento in via Lario. E l’incognita dei costi per la manutenzione straordinaria oggi necessaria in via Bolzano: potrebbero servire lavori di adeguamento alla normativa antisismica.

Alla vigilia dell’open day dei volontari dei vigili del fuoco, previsto per domani alle 11.30, Governo e Comune ribadiscono la vicinanza al progetto. Si sta lavorando, dicono Molteni e Galbiati, per portare il distaccamento in via Lario. Una priorità, si dice.

Anche se, per Governo e Comune, sembra ancora prematuro, ad oggi, poter dare dei tempi anche approssimativi di realizzazione. Quanto a via Bolzano: in teoria, non sarebbero previsti grandi lavori. Al netto dell’indagine antisismica.

«I lavori e le procedure per la realizzazione della nuova caserma stanno procedendo molto bene - afferma Molteni - Tutti gli enti coinvolti, Comune, Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Agenzia del Demanio e Comando provinciale e regionale dei Vigili del Fuoco, stanno collaborando e lavorando da mesi. A breve l’Agenzia del Demanio si esprimerà sulla congruità del costo del terreno e il Dipartimento potrà così procedere all’acquisto. Da qui partiranno le procedure per progettazione e realizzazione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA