Cantù, perdita d’acqua nella piscina  Impianto chiuso almeno due settimane
Il cartello che annuncia la chiusura (Foto by Christian Galimberti)

Cantù, perdita d’acqua nella piscina

Impianto chiuso almeno due settimane

Ma lo stop, per una falla in una vasca di compensazione, potrebbe durare fino all’estate. Nuotatori costretti a scegliere altre strutture. Di Gregorio (Pd): «Ora chi rimborserà i corsi?»

Un cedimento in una vasca di compenso, che avrebbe provocato una perdita. È questo quanto è stato riferito ai genitori dei ragazzi iscritti ai corsi di nuoto, ai quali è stato a loro volta detto che la piscina di Cantù, ora chiusa, potrebbe riaprire non prima di due settimane, forse fino all’estate.

Il che costringe tutti, iscritti ai corsi e utenti con ingresso giornaliero, a rinunciare a un tuffo in vasca. Niente per quindici giorni: come minimo, la sottolineatura di Filippo Di Gregorio, capogruppo consiliare Pd. «Chiusura almeno due settimane, o per l’estate, con l’apertura estiva, c’è stato detto: si sa come vanno a finire queste cose. Intanto, chi rimborserà le quote dei corsi?».

Secondo quanto è stato possibile ricostruire, il problema tecnico si sarebbe verificato nel pomeriggio di domenica. Ieri, sulla porta a vetri della piscina comunale, all’interno del centro sportivo di via Giovanni XXIII, il foglio con la scritta: «Avvisiamo la gentile clientela che per problemi tecnici la vasca interna rimarrà chiusa fino a completa risoluzione. Ci scusiamo per il momentaneo disagio. La direzione».

Di più, alle 18 di ieri, non si poteva sapere. Con la struttura che da Cantù ha annunciato : «non rilasciamo dichiarazioni: c’è stata una riunione tra Comune di Cantù e Sport Management», la frase riferita al telefono. Il direttore era fuori sede, è stato detto. In effetti, anche per il Comune di Cantù, sembra che sia stata una giornata di sopralluoghi e di incontri. Probabile che qualche dettaglio in più filtrerà nella giornata di oggi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA