Cantù: scippata al cimitero

«Ho lottato, ma potevo morire»

Vighizzolo - Bajame, 59 anni, fa la badante: «Sarà stato alto due metri, giovane, vestito di beige». «Un pugno in testa e poi un calcio. Un automobilista gli ha tagliato la strada: ha mollato la borsa»

Cantù: scippata al cimitero «Ho lottato, ma potevo morire»
CANTU’ - Bajame Selamaj: scippata e picchiata fuori dal cimitero di Vighizzolo

«Adesso ho paura a fare ancora quella strada. Non riesco nemmeno a guardare il punto dove sono stata scippata. Quello quasi mi ammazzava. Dopo il primo pugno in testa, sono caduta. E la testa l’ho picchiata ancora, per terra, sull’asfalto».

A raccontare quel che è successo domenica, verso le 13.30, è la stessa Bajame Selamaj, 59 anni, albanese, badante a poche centinaia di metri da casa. Che fa una descrizione piuttosto precisa dello scippatore: «Sarà stato alto due metri, giovane, vestito di beige». E, infine, racconta come è rientrata in possesso della borsa: «Un automobilista gli ha tagliato la strada: ha mollato la borsa».

Il servizio su “La Provincia” d mercoledì 25 ottobre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}