Cantù, troppi al Pronto soccorso
Ambulatorio gratis in Croce Rossa

Avvio sperimentale, gratuito e rivolto a tutti i residenti, nella sede di via Ariberto. Uno degli obiettivi è alleggerire il Sant’Antonio su prestazioni minori, ricette e medicazioni

Cantù, troppi al Pronto soccorso Ambulatorio gratis in Croce Rossa
CANTU - IL PRONTO SOCCORSO DEL OSPEDALE SAN ANTONIO ABATE
(Foto di Stefano Bartesaghi)

Un ambulatorio che apre, al comitato di Cantù di Croce Rossa Italiana, in via Ariberto, per iniezioni, flebo e altri servizi sotto casa. Tutti gratuiti, se si risiede a Cantù. Gli obiettivi: «decongestionare il pronto soccorso dell’ospedale», come si legge nella delibera del Comune che annuncia l’istituzione del servizio, e «anticipare e individuare situazioni di fragilità e di bisogno, anche legate all’emergenza Covid-19, e che possano coinvolgere anche fasce di popolazione particolarmente esposte».

Da queste necessità, la Croce Rossa cittadina, con il sostegno del Comune di Cantù e della Cassa Rurale e Artigiana Bcc Cantù - a seguire il progetto, il presidente del comitato della Cri cittadina Giuseppe Griffini, l’assessore ai servizi sociali Isabella Girgi e il presidente dell’istituto di credito Angelo Porro ha portato in porto, in città, il progetto “Ambulatori a Km 0”, finanziato soprattutto da Regione Lombardia.

Il progetto

Un progetto di cui, senz’altro, i cittadini sentivano l’esigenza. Tante volte, infatti, le famiglie si sono trovate in difficoltà, non sapendo a chi potersi affidare, ad esempio, per delle iniezioni. Ora, per un servizio i cui termini verranno ufficializzati nei prossimi giorni, con apertura sperimentale prevista nel corso di questo mese, una risposta c’è.

© RIPRODUZIONE RISERVATA