«Cantù, ultimi lavori per la piazza»  Ma per finirli raddoppiano i tempi
Il vicesindaco Giuseppe Molteni, il sindaco Alice Galbiati, l’assessore ai lavori pubblici Maurizio Cattaneo

«Cantù, ultimi lavori per la piazza»

Ma per finirli raddoppiano i tempi

Ieri l’incontro con i commercianti, illustrato il taglio dei lastroni “ballerini”.

Serviranno però almeno 45 giorni di cantiere, contro le tre settimane inizialmente previste

La speranza della Giunta è di intervenire per l’ultima volta su piazza Garibaldi. Per risolvere definitivamente il problema delle lastre ballerine, dopo aver visto funzionare, in questi anni, il metodo - ora esteso anche ai restanti punti - del taglio dei lastroni di marmo. Con conseguente e necessario rispetto dei tempi di riposo dopo la posa. E così, se si era sempre parlato di tre settimane, i lavori che inizieranno lunedì - dopodomani – dureranno in realtà almeno il doppio rispetto a quanto previsto.

Quindi, 45 giorni di tempo prima della riapertura, anche se si cercherà di terminare alla fine di agosto, sul lato che comporta la chiusura di via Roma e di via Ariberto. Quasi in contemporanea, si pensa pochi giorni dopo, si partirà sul lato tangente a via Corbetta, via Volta e via Dante: 60 giorni e, in questo caso, riapertura a fine settembre.

Ieri, dalle 14, al Salone dei Convegni XXV Aprile di piazza Marconi, tre esponenti della Giunta, il sindaco Alice Galbiati, il vicesindaco Giuseppe Molteni e l’assessore ai lavori pubblici Maurizio Cattaneo, tutti e tre Lega, hanno incontrato i commercianti per illustrare il cantiere.


© RIPRODUZIONE RISERVATA