Carnevale, Cantù bissa il successo  Sui carri anche i big del basket
Coach Nicola Brienza e Frank Gaines sul carro di Truciolo (Foto by Stefano Bartesaghi)

Carnevale, Cantù bissa il successo

Sui carri anche i big del basket

Oggi cinquemila gli ingressi a pagamento, c’erano anche Davis, Gaines e Brienza della Pallacanestro

C’è chi è arrivato persino da Riccione, per farsi il fine settimana a Cantù e proprio per godersi il Carnevale Canturino. E poi, gente da Milano, Varese, Sondrio. Questo e altro, a partire dall’attrattiva di carri e gruppi, e dal meteo più primaverile che invernale. Ed ecco un altro successo per il Carnevale Canturino.

Il carro dei Maltransema

Il carro dei Maltransema
(Foto by Stefano Bartesaghi)

Che, alla seconda sfilata, sfiora i 5mila spettatori: circa mille in più dell’esordio della settimana precedente. Un’edizione 2019 in crescita. Così come cresce l’utilizzo del bus navetta, gradito a chi ha lasciato le auto posteggiate nei parcheggi esterni. Ospiti speciali: una delegazione della Pallacanestro Cantù in corteo. Domenica di colori sull’anello in centro città. A fine giornata, il conteggio dà soddisfazione: 4.748 spettatori, di cui 3.683 paganti e 1.065 ragazzi, entrati con l’ingresso gratuito under 14.

Il carro del Lisandrin

Il carro del Lisandrin
(Foto by Stefano Bartesaghi)

«Ci sono state anche molte richieste d’informazione per l’utilizzo del bus navetta - riferisce il presidente del Carnevale Canturino Fabio Frigerio - hanno dato indicazioni preziose i volontari dell’Associazione nazionale carabinieri di Cantù. Sono state trasportate più di 100 persone dal parcheggio di via Caduti di Nassiriya, e 120 da corso Europa».

Una famiglia sul bus navetta gratuito per i parcheggi

Una famiglia sul bus navetta gratuito per i parcheggi
(Foto by Stefano Bartesaghi)

Ore 14.30, si parte. Le sbandieratrici della Triuggio Marching Band agitano drappi biancoblu. Ed ecco che, poco dopo, arriva anche la delegazione della Pallacanestro Cantù: Shaheed Davis, Frank Brandon Gaines e il mister Nicola Brienza. Non è New Orleans, ma Cantucky. E la parata, nella settimana della Grande Vendita della squadra, è festosa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA