Case devastate dai ladri  Blitz a Mariano e Carugo
Cassetti e vestiti gettati ovunque in una casa di Carugo (Foto by Silvia Rigamonti)

Case devastate dai ladri

Blitz a Mariano e Carugo

In via Carducci sesta incursione in un’abitazione. Colpo a segno anche in via Dante. In paese a soqquadro una casa di via Pascoli. Intanto i vigili sorvegliano gli edifici abbandonati

Ladri scatenati nel Marianese. Sono almeno tre i colpi messi a segno in nemmeno una settimana nei due chilometri che separano Carugo da Mariano.

Favoriti dalle prime ombre lunghe della sera, i malviventi sono entrati in azione all’ora di cena in tre distinte palazzine, non solo riuscendo ad arraffare bottini più o meno consistenti, ma anche facendo tornare la paura delle incursioni in appartamento a ridosso del Natale, confermando indirettamente le statistiche che vedono un incremento di furti alle porte delle feste di dicembre.

A distanza di una settimana dal colpo sventato in via Tre Venezie, domenica i ladri sono ritornati in azione a Mariano, colpendo non più Perticato, ma il popoloso “quartiere dei poeti” alle porte del centro storico.

Preso di mira un appartamento in via Carducci, con l’inquilino esasperato dal dover contare la sesta visita non gradita in due anni. Pochi giorni dopo, giovedì, i ladri hanno battuto nuovamente la zona entrando in azione all’interno della residenza “La Collina” di via Dante.

Non va meglio a Carugo, dove i topi d’appartamento hanno pensato bene di far visita al condominio popolare di via Giovanni Pascoli. L’amara scoperta è toccata a una famiglia che abita al piano terra: rientrati alle 21 di mercoledì dal lavoro, marito e moglie hanno dovuto fare i conti con la casa sottosopra.

Aperti scaffali e armadietti in soggiorno così come in bagno, rovesciati sul letto i cassetti del comodino in camera da letto dai ladri alla ricerca di oggetti di valore da portar via. Alla fine hanno ripiegato su degli orecchini col punti luce.

A Carugo la polizia locale ha focalizzato l’attenzione sui capannoni abbandonati, come quello di via Valsorda in località Sant’Isidoro che si perde in fondo a una stradina non asfaltata, con l’intento di verificare se fosse diventato la base di appoggio dei malviventi. Il blitz di ieri mattina ha dato esito negativo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA