Dopo l’ok al ponte la nuova sfida  «Ora vogliamo la Canturina bis»
Via Papa Giovanni XXIII è il principale collegamento con Cucciago

Dopo l’ok al ponte la nuova sfida

«Ora vogliamo la Canturina bis»

Molteni (Lega) rilancia dopo l’impegno della Regione di due milioni per Asnago. «I risultati si ottengono quando si lavora insieme». Bizzozero è prudente: «Aspettiamo i soldi»

Chi vince non si accontenta. Il risultato, dopo le pressioni per il ponte di Cantù Asnago, è arrivato: tanto tuonarono indignazioni che alla fine arriverà il ponte nuovo, opera per la quale la Provincia attende, fiduciosa, i 2 milioni di euro dal Patto per la Lombardia, siglato tra governo e Regione.

Per Nicola Molteni, parlamentare della Lega Nord, abbastanza per lanciarsi con ottimismo e tentare un’altra battaglia: cercare di ottenere la tangenziale Canturina Bis, a partire dal collegamento tra Cucciago e Cantù. Per il sindaco Claudio Bizzozero, coalizione civica Lavori in Corso, l’atteggiamento prevalente, sul ponte, è di non crederci davvero finché non arriveranno i fondi.

E sulla Canturina Bis: serve assolutamente tutto il collegamento, dice il sindaco, dalla rotonda di via Giovanni da Cermenate a Mirabello di Cantù, al confine con Mariano Comense. Peccato che non vi siano né soldi né progetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA