Falso controllore dell’acqua  Anziana derubata a Cabiate
La scusa delle verifiche sull’acqua è la più utilizzata dai truffatori

Falso controllore dell’acqua

Anziana derubata a Cabiate

Lo stratagemma per entrare è stato il cattivo odore dai tubi. Vittima una donna di 84 anni che si è vista sottrarre contanti e gioielli

«Guardi che la sua acqua ha un cattivo odore, si sente dall’acquedotto». Con parole di questo tipo il truffatore, stavolta, si è presentato a Cabiate, dove ha raggirato una pensionata, un’anziana di 84 anni.

Con l’ennesima variazione sul tema, è così arrivato il finto tecnico dell’acqua. Che, come altre volte, è riuscito, con l’arma della paura, a farsi aprire la porta di casa, entrare e, dopo essersi guadagnato immeritatamente una parvenza di fiducia dalla donna, filarsela con gioielli e contanti.

Il truffatore si è presentato alla porta dell’abitazione della donna giovedì mattina. Con la solita finzione di essere un tecnico dell’acquedotto comunale. Alla signora ha parlato di un presunto problema di inquinamento all’acqua potabile.

Uno stratagemma escogitato per catturare l’attenzione della donna. Così facendo, è riuscito quindi a varcare la soglia di casa. Al solito, dopo essersi fatto consegnare gioielli e contanti, ha distratto la donna e se n’è quindi andato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA