«Ho rotto il canestro  Pagherò io il danno»
Il canestro rotto dopo la schiacciata nel tre contro tre

«Ho rotto il canestro

Pagherò io il danno»

Cantà, un ragazzo di 19 anni ha scritto al Comune: «Porgo sentite scuse. Stavamo giocando in via Diaz, episodio involontario»

«Ho esagerato nell’andare a canestro: avrei potuto evitare di schiacciare in quel modo. Ma né io né i miei amici siamo dei vandali: il canestro si è rotto mentre stavamo giocando. Per questo ho deciso di contattare il Comune, già lunedì, per chiedere di pagare il danno».

A parlare è il ragazzo di 19 anni che domenica pomeriggio, al campetto di via Diaz, nel mettere la palla a canestro, si è aggrappato al ferro. Una schiacciata. Che ha avuto come effetto collaterale quello di strappare il ferro dal tabellone. «Sono pronto a pagare - dice il ragazzo - ma ci tengo a precisare che non c’era nessuna intenzione di rompere il canestro. Ripeto: non siamo vandali». E per questo ha mandato una mail al Comune, confermando di voler pagare il danno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA