MAriano e la rivoluzione della sosta  C’è un nuovo parcheggio a Perticato
Il nuovo parcheggio nato in via manzoni, vicino alle poste, a Perticato (Foto by Silvia Rigamonti)

MAriano e la rivoluzione della sosta

C’è un nuovo parcheggio a Perticato

È in via Manzoni, ancora sterrato. Ha una quindicina di posti: zona a disco di 2 ore. Intanto si annuncia la revisione delle tariffe per i posteggi a pagamento, con sconti per i residenti

Si abbassa il limite massimo di velocità mentre si istituisce un nuovo divieto di sosta: l’area oggi in fase di completamento in via Manzoni a Perticato ridisegna la viabilità nella frazione a sud di Mariano.

Provvisoriamente non asfaltato, il posteggio sorto a due passi dalla chiesa ospita un quindicina di mezzi e va così ad assorbire parte dell’utenza generata dalla presenza delle poste e del centro anziani lnellavia. L’opera apre a una riflessione sul piano volto a ripensare la sosta in città. Il progetto, voluto dalla giunta guidata dal sindaco Giovanni Marchiso, punta a riordinare gli stalli esistenti e rivedere la tariffazione di quelli a pagamento.

Un’ordinanza firmata dal comandante della Polizia Locale, Giulio Fiorentino, regola la sosta in via Manzoni. All’interno del neo nato posteggio vige una zona a disco orario dalle 8 alle 20 dei giorni feriali, compreso il sabato, per un massimo di 2 ore per garantire un ricambio dei veicoli. In questo stesso tratto si abbassa il limite di velocità da 50 a 30 chilometri all’ora. Una piccola rivoluzione, il posteggio andrà in parte ad assorbire l’utenza generata dalle poste e dal centro anziani di Perticato.

L’opera apre alla riflessione sul “piano parcheggi” descritto dalla stessa amministrazione all’interno del Documento unico di programmazione triennale (Dup). Si rivede anche la tariffazione dei posti a pagamento, visto il probabile cambio di concessione di servizio, pensando a degli sconti per i residenti: l’intento è attuare il piano nell’arco di dodici mesi. Nessuna ulteriore specifica da parte dalla giunta di centro sinistra che, contattata, ha scelto di non parlare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA