Mariano, gravissimo il ragazzo precipitato  La mamma: «Sì, stava facendo parkour»
I soccorsi al giovane caduto da un lucernario in via Sant’Ambrogio

Mariano, gravissimo il ragazzo precipitato

La mamma: «Sì, stava facendo parkour»

Nel volo di sei metri ha riportato un grave politrauma ed è in terapia intensiva

«Sì: nostro figlio è andato con suo fratello e con un suo amico a fare il parkour, questo sport che fanno i ragazzi oggi. E sì, si è fatto molto male».

A confermarlo una volta di più è la stessa mamma del ragazzo di 16 anni che l’altro pomeriggio, dopo essersi arrampicato al di sopra dello stabile, mentre saltava da un lucernario all’altro, è precipitato da un’altezza di sei metri all’interno di un’azienda di via Sant’Ambrogio.

Le condizioni del ragazzo restano gravissime: politrauma complesso, con tutte le conseguenze del caso, di una caduta del genere, da valutare nei prossimi giorni. Intanto, a Mariano si tifa perché il ragazzino si possa riprendere.

La mamma è riuscita a dire di sfuggita alcune frasi ai giornalisti della testata giornalistica regionale della Rai. In queste ore, la situazione del ragazzo è monitorata continuamente dallo staff ospedaliero dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo. Il personale medico e infermieristico che ha in cura il ragazzo, per il momento, osserva con costanza il quadro clinico di queste ore. E’ presto per poter sciogliere la prognosi, che rimane riservata, mentre il ragazzino resta ricoverato in rianimazione. E’ possibile quindi che alcune osservazioni più particolari potranno essere analizzate meglio a partire dai prossimi giorni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA