Mariano: «Ho pianto mio figlio all’obitorio  Dopo un anno resta vergognoso»
La camera mortuaria del “Felice Villa”, un locale spoglio e degradato

Mariano: «Ho pianto mio figlio all’obitorio

Dopo un anno resta vergognoso»

Filomeno torna alla camera mortuaria del Felice Villa

«Ho rivisitato il posto a distanza di un anno dalla morte di mio figlio, Massimo, e appariva come allora: troppo piccola e priva di rispetto per chi quegli spazi è costretto a valicarli».

Papà Francesco Filomeno restituisce un’impietosa fotografia della camera mortuaria del Felice Villa di Mariano.

Una struttura nata sul lato destro dell’ospedale, si entra dalla porta su via Isonzo, a cui si arriva dopo aver percorso un lungo camminamento passando a fianco dei cassoni dove vengono conferiti i rifiuti. «È una cantina con un paravento che copre il lavandino. Una cosa vergognosa ».

Tutta la storia su La Provincia in edicola giovedì 29 marzo


© RIPRODUZIONE RISERVATA