Omicidio di Carugo, Brivio attacca  «Processate Armando Rho, non me»
L’imputato Alberto Brivio, accusato dell’omicidio dell’architetto Afio Vittorio Molteni

Omicidio di Carugo, Brivio attacca

«Processate Armando Rho, non me»

Il commercialista accusato del delitto a muso duro contro il suocero della vittima. «Nutriva un astio terribile nei confronti di Molteni. E continuava a dire: “Quello lo distruggo”»

L’affondo, Alberto Brivio, lo riserva tutto per le battute finali del suo lunghissimo sfogo davanti ai giudici della Corte d’Assise chiamati a giudicarlo sull’accusa dell’omicidio di Carugo. Ed è un attacco a muso duro, pesantissimo contro la famiglia Rho e, soprattutto, il capostipite, quell’Armando Rho che ha fondato e dato il nome all’impresa di mobili di Mariano Comense.

«C’era un astio terribile tra Armando Rho e il povero Molteni. Lui non ha mai nascosto la volontà di distruggere e azzerare l’architetto. Diceva che stava impegnando diverse risorse per sua figlia per sistemare delle cose».

Il servizio completo su La Provincia in edicola oggi

© RIPRODUZIONE RISERVATA