Oratorio in dono   per i terremotati
Le vistose crepe sull’oratorio di San Severino Marche

Oratorio in dono

per i terremotati

Il cuore di Cantù Raccolta di fondi per San Severino Marche

“Un oratorio per San Severino Marche”. È l’iniziativa che è partita dal Centro di ascolto decanale della Caritas rispondendo a un appello che è stato lanciato dal vicario foraneo della cittadina marchigiana, don Aldo Romagnoli: «San Severino Marche è stata gravemente colpita da terremoti che si sono succeduti con forza sempre maggiore: ben 5.000 edifici sono risultati lesionati e oltre 3.000 persone hanno dovuto lasciare le proprie abitazioni e trovare una sistemazione alternativa».

Un quarto della popolazione non può quindi più risiedere nelle proprie case. Grave è la situazione anche delle scuole, che sta costringendo oltre mille alunni ad un sovraffollamento nei pochi spazi rimasti agibili.

«Una situazione che ci sta particolarmente a cuore – scrive don Romagnoli – è quella in cui versa l’oratorio interparrocchiale: da molti anni rappresentava un luogo d’incontro, di dialogo, di confronto, di gioco e di convivialità». Le condizioni in cui versa l’oratorio sono ormai tali che probabilmente dovrà essere demolito. Da qui l’appello di don Aldo Romagnoli: per la costruzione di una struttura temporanea con spazi per le attività pastorali.

I dettagli su La Provincia in edicola venerdì 13 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA