Passeggia con il cane sui binari  Treno bloccato a Cucciago
;L’uomo fotografato a passeggio con il cane su uno dei binari della stazione di Cucciago

Passeggia con il cane sui binari

Treno bloccato a Cucciago

L’Eurocity Zurigo-MIlano costretto a fermarsi nello scalo giovedì pomeriggio. Un testimone ha chiamato la Polfer ma l’uomo si era già allontanato

Si è messo a passeggiare con il cane tra le rotaie e per sbirciare i lavori in corso sulla Milano-Como-Chiasso e così ha costretto l’Eurocity Zurigo-Milano, in arrivo sull’altro binario, a tirare il freno e a fermarsi per due minuti.

Poi, dopo aver sempre illegalmente attraversato la massicciata sull’altro binario, ha proseguito la sua sgambata. Un passeggero, preoccupato, ha chiamato la Polfer: gli agenti sono arrivati, ma l’uomo, dopo essersi seduto sulla staccionata, se n’era già andato.

È successo giovedì pomeriggio, tra le 17 e le 18, alla stazione di Cucciago. A mettersi in pericolo, in sfregio a ogni norma, un uomo che, a occhio, avrebbe circa 70 anni. Pericolo per sé ma anche per il trasporto pubblico. Su una linea internazionale importante, di collegamento tra l’Italia e la Svizzera.

«Mi sono sentito in dovere di segnalare alla Polfer questo signore che passeggiava con il cane tra i binari - riferisce il testimone, che chiede di non divulgare il proprio nome e cognome - Prima questa persona è andata a vedere i lavori su un binario, gli stessi per cui in queste settimane la circolazione ferroviaria è interrotta tra Carimate e Como. Con mio stupore, è sceso dalla banchina e ha iniziato a passeggiare con il cane a zonzo tra le rotaie, dove in quel momento si trovava una motrice per la manutenzione dei binari».

La persona da cui arriva la segnalazione si chiede se possano avere una loro utilità le diverse telecamere piazzate in stazione.«Dovessi assistere di nuovo a una scena del genere - aggiunge - chiamerei anche il 112. C’è da capire la preoccupazione del macchinista che ha frenato». Anche perché periodicamente - l’ultimo episodio, a luglio - succede che qualcuno, oppresso dalla propria disperazione, cerchi la morte su quei binari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA