Polizia di Alzate, il comandante lascia  Si cerca un sostituto ma senza stipendio
Controlli della polizia locale alzatese (Foto by archivio Bartesaghi)

Polizia di Alzate, il comandante lascia

Si cerca un sostituto ma senza stipendio

Ronchetti rinuncia all’incarico «per motivi personali» ma resta come ufficiale. Il sindaco: «Impossibile fare un concorso, garantiamo solo un rimborso per la benzina»

Cercasi comandante di polizia locale disposto a lavorare senza stipendio. A zero euro al mese: previsto solo rimborso benzina a chilometro, forse un cellulare per le chiamate.

È questa la proposta del Comune di Alzate, che ha indetto un bando di gara per un comandante a titolo gratuito. Proprio così. Altro, dice il sindaco Mario Anastasia, non era possibile fare.

L’ex comandante Mario Ronchetti ha chiesto, da quest’anno, di non svolgere più la funzione di capo della polizia locale: resterà, ma come ufficiale. Il problema è che l’emergenza sanitaria nazionale in corso, conseguente alla pandemia, impedisce di aprire un concorso.

La speranza è che arrivi ad esempio un ex vigile in pensione - in grado di poter contare su un porprio sostentamento- con alto senso delle istituzioni.

Questa la situazione ad Alzate, fuoriuscita, dal 1° gennaio, dalla polizia locale intercomunale Briantea. Da quest’anno, semplicemente: polizia locale di Alzate. È di questi giorni l’«avvio della procedura di selezione per il conferimento di un incarico “a titolo gratuito” di comandante della polizia locale», come sancisce l’avviso pubblicato dal Comune. Durata: un anno.

«Ma se ci sarà uno sblocco dei concorsi, se questo avverrà fra pochi mesi, anche l’incarico durerà solo pochi mesi - spiega il sindaco Anastasia - è una posizione temporanea, legata a un’emergenza creatasi anche con il venir meno della responsabilità in capo a Ronchetti, su sua richiesta, per motivi personali».

«Ronchetti resta in organico come ufficiale e non è possibile indire concorsi. C’è solo la mobilità, ma anche quella ha dei tempi per cui non è semplice individuare un nuovo comandante».Quindi, la soluzione dell’incarico senza stipendio. «Il rimborso spese benzina non può essere predefinito dal Comune: deve essere strettamente legato ai chilometraggi. Potremmo fornirgli un cellulare aziendale per le chiamate» spiega il sindaco.

Christian Galimberti


© RIPRODUZIONE RISERVATA