Rovellasca, rissa dal barbiere  Il titolare denunciato per lesioni
Il salone con l’ingresso sfondato e chiuso da un cartone

Rovellasca, rissa dal barbiere

Il titolare denunciato per lesioni

L’uomo è accusato di aver colpito con un bastone

l’ex genero e il fratello feritosi seriamente con un vetro

Sarà denunciato per lesioni aggravate il titolare, 56 anni di origini marocchine, del parrucchiere Miral teatro martedì pomeriggio di un assalto con conseguente “battaglia” con tanto di bastoni tra ex parenti. Da una parte un uomo di trent’anni, anche lui di origini marocchine, ex marito della figlia del titolare del parrucchiere (l’uomo era accompagnato dal fratello) dall’altra l’ex suocero.

Da quanto sono riusciti a ricostruire i carabinieri della compagnia di Cantù e della stazione di Turate all'origine della spedizione punitiva finita a bastonate (con la peggio toccata proprio agli autori della spedizione stessa) ci sarebbe una diatriba legata sulla proprietà del negozio di parrucchiere.

Le rivendicazioni economiche da parte dell’ex genero sarebbero sempre cadute nel vuoto e così, visti anche i dissapori legati alla fine del matrimonio, l’idea del trentenne sarebbe stata quella di causare danni al salone come sorta di vendetta.

Non fosse che sentendo il trambusto il proprietario (che però non è parrucchiere, avendo un dipendente che svolge l’attività) è sceso in negozio “armato” con un bastone che non ha esitato a utilizzare contro l’ex genero e il fratello di quest’ultimo.

I due ne sono usciti piuttosto malconci. Il fratello, in particolare, cadendo nella colluttazione è finito su un pezzo di vetro - proveniente dalla vetrata che era stata danneggiata dagli stessi fratelli - riportando una ferita profonda che lo ha costretto a subire un intervento chirurgico.

Le prognosi ancora non ci sono, ma indipendentemente dall’entità del danno il suocero dovrà rispondere di lesioni aggravate per aver utilizzato un bastone (che è stato sequestrato dai carabinieri). La Procura ha dunque aperto un fascicolo d’indagini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA