Sparò al barista a Cantù
Oggi c’è il processo
«Giustizia, non vendetta»

Rito abbreviato per Antonio Manno, 21 anni, che ferì gravemente Andrea Giacalone (25). La sorella Rosanna: «Jack migliora un po’ alla volta, il carattere sta tornando quello di un tempo»

Sparò al barista a Cantù Oggi c’è il processo «Giustizia, non vendetta»
CANTU’ - Antonio Manno, il ragazzo a processo per aver sparato ad Andrea Giacalone

Si apre oggi il processo per tentato omicidio con rito abbreviato nei confronti di Antonio Manno, il ragazzo di 21 anni che nella notte tra il 3 e il 4 agosto sparò ad Andrea“Jack” Giacalone, di 25, con un fucile a canne mozze a pochi passi dal centro cittadino.

Sul banco degli imputati, davanti al giudice dell’udienza preliminare Ferdinando Buatier de Mongeot, Manno, che dopo una fuga durata cinque giorni si costituì al carcere milanese di Opera, dovrà rispondere in merito a quel che accadde quella notte. In aula, al tribunale di Como, ci sarà anche Giacalone, che da allora, nonostante le gravissime ferite riportate, si è ripreso in modo prodigioso. La sorella Rosanna: «Jack migliora un po’ alla volta, il carattere sta tornando quello di un tempo. Cosa ci aspettiamo dal processo? Giustizia, non vendetta».

Il servizio su “La Provincia” di martedì 6 dicembre 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}