Tra Carimate e Mariano  il battesimo di baby Facchinetti

Tra Carimate e Mariano

il battesimo di baby Facchinetti

La cerimonia si è svolta in San Giorgio, poi foto a raffica nello scenario del paese canturino. Gran finale dei festeggiamenti nella villa di famiglia

Per il battesimo del figlio Leone, papà Francesco Facchinetti e mamma Wilma Helena Faissol - moglie dello showman - hanno scelto, appena fuori dalla Mariano in cui vivono, Carimate. Per una giornata autunnale indimenticabile per la famiglia. Come visibile da alcune foto passate su social e siti Internet, la scenografia è stata il castello del paese alle porte di Cantù.

«La chiesa in cui si è svolto il battesimo - conferma Facchinetti a “La Provincia” - è a Carimate». Ovvero, la parrocchiale dedicata a San Giorgio Martire e Maria Immacolata.

Una notizia che è stata seguita, tra le testate di cronaca rosa o femminili, da Oggi, Vanity Fair, Pour Femme. Il battesimo si è celebrato sabato. Smoking con papillon nero e occhiali da sole per lui, abito bianco e veletta per lei, incinta del secondo figlio della coppia, al punto che, a vedere alcuni scatti, qualcuno ha pensato al matrimonio religioso - quello civile si è celebrato in Comune a Mariano lo scorso dicembre - rinviato al prossimo anno, quasi sicuramente, anche per tutte le felici concomitanze, tra cui, viene da pensare, il nuovo arrivo in famiglia.

In veste di damigelle, erano presenti anche la piccola Mia, 4 anni, nata dalla relazione di Facchinetti con Alessia Marcuzzi, e Charlotte, nata sempre da una relazione precedente della modella brasiliana. Per una gioiosa famiglia allargata, come viene descritta negli scatti postati su Facebook dallo stesso Facchinetti.

Non poteva mancare anche la voce dei Pooh Roby Facchinetti, papà di Francesco e nonno di Leone. «Per il piccolo Leone è stato un giorno molto speciale perché ha ricevuto il battesimo - ha scritto via social - Pur avendo meno di un anno il nostro “Re Leone” capiva benissimo che solo lui era al centro delle affettuose attenzioni di tutti noi presenti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA