Tragedia dell’escavatrice a Cantù  Due indagati per omicidio colposo
CASCINA AMATA - Sulla cancellata dell’officina Morabito è comparsa ieri una rosa bianca in ricordo di Francesco

Tragedia dell’escavatrice a Cantù

Due indagati per omicidio colposo

CASCINA AMATA - Oggi l’autopsia di Francesco Morabito, travolto dopo il cedimento di uno scivolo. L’inchiesta è un atto dovuto e riguarda il padre - titolare dell’officina - e il proprietario del mezzo

Sarà eseguita oggi l’autopsia sul corpo di Francesco Morabito, l’uomo di 39 anni deceduto lunedì all’ospedale Sant’Antonio Abate dove era stato trasportato d’urgenza dopo essere stato travolto da un escavatore nell’officina meccanica di famiglia. La Procura ha aperto un’inchiesta sull’incidente e al momento, come atto dovuto, ha iscritto sul registro degli indagati per omicidio colposo il padre Mario Morabito, legale rappresentante e titolare dell’impianto, e il proprietario dell’escavatore, nonché del camion sul quale la ruspa doveva essere caricata quando è caduta causando la tragedia.

C’è ancora sgomento in città per quanto accaduto l’altra mattina. Tantissime le manifestazioni di cordoglio verso la famiglia e la fidanzata. In ogni forma: di persona e sul web. «Sgomenta» la Pallacanestro Cantù, di cui Francesco era tifosissimo.

I servizi su “La Provincia” di mercoledì 6 aprile 2016


© RIPRODUZIONE RISERVATA