Tre agenti in più e nuove strategie  Controlli migliori non solo a Cantù
Controlli serali di una pattuglia della polizia locale canturina (Foto by archivio)

Tre agenti in più e nuove strategie

Controlli migliori non solo a Cantù

L’assessore Cattaneo spiega come si sta evolvendo l’impegno della polizia locale: «La collaborazione con i comandi vicini permette flessibilità e una sorveglianza capillare»

Sono state diverse le assunzioni effettuate in Comune a Cantù in questi mesi. Ma le più attese sono quelle per il comando della polizia locale, che il 1° agosto vedrà entrare in servizio tre nuovi agenti. Cinque in tutto i reclutamenti nel corso del 2020 e per l’anno prossimo si spera di rimpinguare ulteriormente le fila, anche se occorrerà fare i conti con i bilanci rimessi in discussione dall’emergenza sanitaria.

Apporti fondamentali: «Mai come in questo momento è importante rafforzare l’organico – conferma l’assessore alla Sicurezza Maurizio Cattaneo – con l’arrivo di tre agenti e due ufficiali. Questo è stato un anno particolarmente impegnativo, che ci vede attivi su mille fronti, quindi per continuare a garantire questi servizi servono uomini».

Uno strumento messo in campo è l’accordo tra amministrazioni confermato per tutto il 2020 con Como, Erba, Eupilio, Pusiano e Mariano Comense, per mettere in comune i rispettivi corpi di polizia locale. L’ultima serata di controlli sulle strade è stata venerdì e ha portato a ritirare tre patenti di guida e a denunciare un automobilista che si è rifiutato di sottoporsi al test dell’etilometro.

E poi 16 multe e quasi un centinaio di veicoli fermati. «Non ci si deve mai fermare – chiude Cattaneo – e non c’è altro modo per conservare i risultati oggettivi ottenuti sul territorio se non investire sempre di più sul materiale umano».

(Silvia Cattaneo)


© RIPRODUZIONE RISERVATA