Una Cantù sempre più connessa  Grazie all’app e a nuove antenne
Il cartello del Wi Fi comunale in piazza Garibaldi (Foto by Stefano Bartesaghi)

Una Cantù sempre più connessa

Grazie all’app e a nuove antenne

Il Comune, dopo l’estensione del Wi-Fi in centro, ora pensa alle periferie. E vuole rendere accessibile sugli smartphone il programma del Festival del legno

Una città sempre più digitale: a breve, il Comune di Cantù potrà contare anche su una app, scaricabile dagli store Apple e Google. Per scoprire direttamente dallo smartphone - o dal tablet - il calendario degli appuntamenti organizzati in città, piuttosto che le notizie utili o i punti di interesse culturale.

Non solo: si progetta infatti anche l’espansione della rete Wi-Fi pubblica. Oggi copre soprattutto il centro, tra Pianella e piazza San Rocco. L’idea è di perseguire la volontà nel potenziare il sistema. Nell’ottica di arrivare anche nelle periferie. E in punti strategici come le stazioni ferroviarie.

Tira dritto, il Comune, in tema di innovazione tecnologica. Anche nell’obiettivo di fare in fretta. Gli uffici intendono infatti acquistare la app, un investimento da 7mila euro circa, per l’ormai imminente Festival del Legno, con partenza il 29 settembre: le due settimane, così come visto anche negli anni precedenti, ricche di eventi, ormai tradizionalmente dedicate al legno arredo.

Sarebbe utile, quindi, ai visitatori una app in grado di fare da spalla. Inserita, ad ogni modo, in un contesto di espansione digitale anche per i mesi a venire.

In queste settimane, intanto, la staffetta nella gestione del Wi-Fi cittadino è stata completata a copertura dell’asse centrale del centro cittadino, tra via Matteotti, piazza Garibaldi e via Dante. Oltre che alla biblioteca comunale “Ugo Bernasconi” di piazza Marconi. Non solo.

Nel mentre, è allo studio l’estensione della copertura del servizio Wi-Fi ad altre zone cittadine. Attraverso l’attivazione dei servizi smart city nell’ambito dell’appalto sull’illuminazione pubblica assegnata a Gesta. Con i punti luce che potrebbero avere anche, in qualche caso, le antenne per far collegare computer, tablet e smartphone a internet.

© RIPRODUZIONE RISERVATA