Videosorveglianza a Mariano  Altra bocciatura dalla Regione
Una telecamera di sorveglianza in via Matteotti (Foto by Archivio)

Videosorveglianza a Mariano

Altra bocciatura dalla Regione

Milano ribadisce il “no” al finanziamento per gli impianti leggi-targa all’entrata della città. Il sindaco: «Utilizzeremo i nostri fondi»

Il Comune di Mariano rimane fuori dai finanziamenti regionali a favore della sicurezza urbana. Per la seconda volta. Candidato in Pirellone il medesimo progetto del 2016, questo è stato ammesso ma non sovvenzionato. A spiegarlo è lo stesso sindaco Giovanni Marchisio che ora promette di coprire i costi per installare quattro telecamere leggi targa su altrettanti varchi d’ingresso della città e ammodernare la strumentazione della Polizia Locale con le risorse proprie del municipio.

«Purtroppo la comunicazione definitiva arrivata è che il nostro progetto è stato ammesso ma non finanziato. Pazienza, questo andrà avanti lo stesso interamente con le finanze del Comune». Il numero uno del municipio difende la bontà del piano steso a favore della sicurezza e tutela del cittadino.

Due i capitoli da circa 50 mila euro ciascuno, il primo prevedeva l’installazione di quattro occhi elettronici, dotati di sistema leggi targa, su altrettante porte d’accesso alla città. Il secondo invece abbracciava l’intero sistema di comunicazione in dotazione ai vigili con l’obiettivo di migliorarlo passando dall’analogico al digitale.

Serpeggia così un filo di ironia tra i banchi dell’opposizione. «Prima di parlare e criticare l’opposizione, “le solite voci polemiche dicevano”, accertati di avere intascato i soldi - commenta il capogruppo di Forza Italia, Andrea Ballabio -. Altrimenti il “raglio d’asino non sale al cielo” ovvero ancora una volta il sindaco ha illuso i cittadini».

Un breve commento a cui fa eco l’analisi di LegaNord. «Un’amministrazione lontana dalla realtà non può che elaborare un progetto poco incisivo sul tema. Questa - puntualizza il portavoce Giovanni Alberti - è infatti l’ennesima bocciatura sulla sicurezza».

Mancano proposte concrete secondo il Carroccio, che invita alla riflessione. «Hanno presentato un piano al di sotto del livello minimo per essere finanziato e questo dimostra l’incompetenza del sindaco sul tema e sulla ricerca di fondi - aggiunge -. Non per ultimo si dimostrano un’amministrazione di poca fantasia candidando lo stesso piano presentato e non finanziato un anno fa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA