Lunedì 26 Dicembre 2011

Ca' d'Industria, ben venga il nuovo corso

S'è insediato il nuovo Consiglio d'amministrazione di Cà d' Industria e letto, con piacere, il suo intento di andare nelle strutture per incontrare ospiti e parenti. E' questo ciò che conta: ascoltare e parlare con la gente che lì, nelle diverse case, vive la conclusione della propria esistenza.
Gli anziani vogliono continuare ad essere soggetti di pieno diritto, interlocutori in un rapporto con chi amministra la loro casa ma non le loro menti. Lucidi e pieni d'anni e di saggezza, molti di loro mi hanno chiesto di far da tramite con il nuovo consiglio per un incontro d'ascolto. L'impegno dunque del nuovo C.d.A. mi sembra che vada proprio in questa direzione: andare nelle strutture, tra la gente... e fare gli auguri di un nuovo anno, inizio di un cammino proficuo e ricco d'umanità e di dialogo, cammino percorso assieme, senza lasciare indietro chi ha passi magari più lenti e stanchi ma può indicare la strada.
Roberta Marzorati
consigliere comunale della lista per Como

Gentile signora Marzorati,
la Ca' d'Industria è nel cuore dei comaschi e questo giornale si è impegnato in una strenua battaglia in difesa dei nostri vecchi, il cui futuro è stato messo a repentaglio da una gestione sulla quale è meglio stendere un pietoso velo. Se soltanto il nostro sindaco ci avesse dato retta, forse oggi non saremmo a questo punto. Ma tant'è.
Ora, mentre la Procura della Repubblica continua il suo salutare lavoro, se Dio vuole abbiamo finalmente voltato pagina. Non dobbiamo dimenticare, sia chiaro. Dobbiamo però intraprendere una via nuova, che inauguri una stagione virtuosa dopo tanti veleni. Non invidio il presidente Frisoni: di quella che soltanto cinque anni fa era un'eccellenza della città sono rimaste le macerie. Ma il dialogo e la trasparenza come antidoto all'inettitudine e all'arroganza mi sembrano un buon inizio. Direi un ritorno alle origini, quelle che hanno ispirato la gestione illuminata del presidente Castelli. È da lì che bisogna ripartire.

Pier Angelo Marengo
[email protected]

p.marengo

© riproduzione riservata

Tags