Da Bolchini a Soldi e Vincenzi La nouvelle vague del Como
Matteo Vincenzi (a sinistra) e Tommaso Arrigoni (Foto by Cusa)

Da Bolchini a Soldi e Vincenzi
La nouvelle vague del Como

Debuttanti e protagonisti nell’ultima giornata a Novara

COMO

Doveva essere una festa per tutti, anche per chi quest’anno ha avuto meno opportunità di giocare. Così voleva Gattuso a Novara, ed è andata anche meglio del previsto. Cinque reti con cinque marcatori diversi, e già questo è un fatto abbastanza eccezionale. Ma un gol si può considerare sicuramente anche il rigore parato da Pierre Bolchini, il primo a mettersi in evidenza durante la partita: esordio in C per il portiere ventiduenne, al suo secondo anno nel Como, cresciuto nelle giovanili di Inter e Novara, in rosa come terzo ma in seguito all’infortunio di Zanotti di fatto diventato secondo di Facchin da febbraio in poi. La sua parata è stata, non a caso, festeggiata dai compagni con grande gioia.

Ma ogni episodio a Novara ha regalato particolare euforia, inconsueta vista la schiacciante vittoria e soprattutto l’inutilità della partita. Ma comprensibilissima, come per la rete del giovane Matteo Vincenzi, classe 2002. Giocatore della Primavera, già qualche volta in panchina l’anno scorso, quest’anno insieme a Gabriele Soldi – capitano della squadra di Boscolo – è stato aggregato con molta più frequenza alla prima squadra, a cominciare dal ritiro estivo. Entrambi hanno esordito in C a Novara, e Vincenzi dopo poco minuti ha segnato il suo primo gol “da grande”. Gioia incontenibile, come peraltro quella di Enrico Celeghin, anche lui festeggiatissimo, ideale riscatto di una stagione in cui il giovane centrocampista ha giocato molto poco.

Festeggiato anche Alvin Daniels, autore di un bel gol. Meritato, visto il contributo che il giocatore olandese è comunque riuscito a dare con grande energia in queste ultime partite della stagione. Insomma, una festa per tutti non solo a parole. A cui hanno contribuito anche Walker e Ferrari, anche per loro gol meritati in una stagione in cui il Como ha ribadito la sua forza offensiva, segnando in tutto 59 reti, media di un gol e mezzo a partita, primissimo attacco del girone.


© RIPRODUZIONE RISERVATA