Asso saluta il maresciallo in pensione  «Una vita nell’Arma al servizio di tutti»
Il luogotenente Salvatore Melchiorre durante una operazione

Asso saluta il maresciallo in pensione

«Una vita nell’Arma al servizio di tutti»

Venerdì il consiglio comunale conferirà la benemerenza a Salvatore Melchiorre. Lavora in paese da 28 anni

Ha visto la caserma spostarsi dal centro paese all’attuale sede in via dei Praeli. Ha conosciuto le storie e le problematiche di migliaia di persone in 28 anni di comando. Ha dovuto indagare su quattro omicidi senza contare l’incredibile numero di incidenti stradali. Sempre presente e in prima linea ha vissuto il servizio con il piglio di chi crede e onora la divisa che porta.

Il 24 dicembre il luogotenente Salvatore Melchiorre, maresciallo della caserma di Asso, raggiungerà la pensione . Già in questi giorni è tempo di saluti e venerdì la comunità di Asso lo omaggerà conferendogli la benemerenza civica durante il consueto consiglio comunale natalizio. Con molta umiltà dice: «Ho 65 anni ed è giusto che mi dedichi a mia moglie che in questi 40 anni mi ha visto poco presente anche nel seguire la crescita dei figli, perché ho sempre creduto in questo lavoro e ho cercato di farlo al meglio delle mie possibilità».

Con semplicità e grazie alla sua grande conoscenza del territorio Melchiorre ha saputo risolvere anche casi altrimenti in grado di complicarsi. Melchiorre ha una lunga carriera nell’arma: «Ho fatto prima la scuola allievi carabinieri, poi la scuola sotto ufficiali, poi il pilota a Milano, la radiomobile a Monza un anno in comando, la squadra di polizia della Procura, poi il 13 novembre del 1987 sono arrivato nel Comasco: prima a Brunate e poi il 13 febbraio del 1992 ad Asso».


© RIPRODUZIONE RISERVATA